Piano di dimensionamento scolastico: le nuove opportunità al Liceo Pascal

È notizia di poche settimane fa l’approvazione del piano di dimensionamento scolastico regionale. Cerchiamo di capire insieme cos’è e le novità per i nostri comuni.

Si tratta di un documento con il quale le regioni provvedono a programmare la rete scolastica del territorio, con l’obbiettivo di migliorare l’accesso all’istruzione e in modo tale che le scuole riescano ad aggiornarsi a beneficio degli studenti.
Gli istituti, dopo un iter burocratico e seguendo i criteri delle linee guida, possono – se possiedono i requisiti – avere nuovi indirizzi e modifiche nelle strutture.
Importante è poi l’offerta formativa che deve adeguarsi al cambiamento della società, realizzare il diritto all’apprendimento e ridurre i disagi per ragazzi e famiglie.

Il piano viene approvato ogni anno per entrare in vigore l’anno successivo. Il 30 dicembre scorso è stato approvato quello della Regione Lazio per il 2017/2018.
Si legge sul sito istituzionale: “nasce da un confronto continuo e costruttivo con enti locali, Ufficio Scolastico Regionale, sindacati, istituzioni scolastiche, comitati di studenti e famiglie”.

Questa normativa andrà ad attivare nuovi indirizzi in diversi istituti superiori, con nuovi corsi che prenderanno il via proprio a Settembre 2017. Tutta la Regione viene toccata dal provvedimento: dalle province di Frosinone, Latina, Viterbo e Rieti fino alla città di Roma e a tutta l’area metropolitana.
Per il nostro territorio, si legge nell’atto, all’IIS Pascal di Pomezia nascerà il liceo internazionale opzione italo-inglese, una bella novità.

Un indirizzo così particolare è sicuramente un’incognita e un’opportunità al tempo stesso, per i futuri studenti di Pomezia, ma anche di Ardea, che è sprovvista di scuole superiori. Così siamo andati a parlare con il dirigente scolastico, prof.ssa Laura Virli, per avere un suo parere sull’argomento.
“Il Pascal – ci racconta il DS – ha richiesto più volte di ospitare l’indirizzo di liceo linguistico all’interno della struttura, dato che nella zona non era presente e dato che la scuola ha sempre offerto molte attività di bilinguismo (corsi e scambi culturali)”. Tramite una delibera del corpo docenti e del consiglio d’istituto, nel 2009 è stata posta alla Regione la richiesta (poi rinnovata ogni anno), che però non è mai stata accettata.

Da qui la svolta, vista la necessità di avere sul territorio tale indirizzo, che costringeva i ragazzi al pendolarismo verso comuni vicini, non sempre supportati dal trasporto pubblico e privato.
Nel 2013 l’istituto ha deciso comunque di puntare sulle lingue, inserendo, accanto al diploma classico-scientifico, le certificazioni (PET/FCE/DELF/DELE).

Nel 2015 nel territorio è arrivato il liceo linguistico, assegnato però all’artistico Picasso.
“Per avere l’indirizzo italo-inglese Internazionale serviva la certificazione Cambridge I.G.C.S.E. e così un anno fa è partita la sperimentazione per una classe, con professori madrelingua e certificazioni” ci spiegano poi le docenti Ponziano e Ramazzotti, che si dicono soddisfatte di aver puntato su questi aspetti innovativi.
Proprio il raggiungimento di tale certificato e le modifiche apportate hanno permesso la creazione del nuovo corso di studi.

Il piano regionale di quest’anno non fa che sancire il riconoscimento tanto atteso e assegna questo indirizzo al Pascal. Dopo gli sforzi fatti per ampliare l’offerta formativa e dopo anni di lavoro e mobilitazione è stato raggiunto questo traguardo.
Poche le scuole in Italia in grado di offrire questo piano di studi, con materie interamente svolte in inglese.
“Non avere il Liceo Linguistico ci ha dato quella forza in più, per rinnovare il nostro modo di fare didattica e aprire le porte dell’Europa e del Mondo a questi ragazzi” – ha poi concluso il Dirigente.

Ora non resta che attendere il prossimo anno per vedere il numero di iscrizioni, sperando un giorno che il piano tocchi anche la città di Ardea, assegnando magari un istituto tecnico o un liceo. Siamo fiduciosi.