Gli arresti per la “RSA abusiva” di Ardea

Cinque provvedimenti cautelari questa mattina hanno riguardato altrettante persone, colpevoli, secondo la procura di Velletri, di aver “collaudato un sistema di spoliazione ed appropriazione del patrimonio, economico ed immobiliare, di soggetti anziani affetti da gravi patologie psico fisiche”. Tutto partito da una struttura di cohousing ad Ardea, che in realtà era una “RSA abusiva”. Chiusa nei mesi scorsi e finita subito sotto la lente della magistratura.

Omicidio con dolo eventuale, circonvenzione di incapace, esercizio abusivo della professione medica, falso ideologico e materiale. Sono queste le accuse rivolte a cinque persone (quattro donne e un uomo), contro cui la procura di Velletri ha emesso questa mattina altrettanti provvedimenti cautelari. Due persone sono finite in carcere, un agli arresti domiciliari e una è stata sottoposta all’obbligo di firma, l’ultima è interdetta per un anno dalla professione medica. 

Tutto è partito a inizio 2023 dal blitz dei NAS in una struttura di cohousing per anziani ad Ardea, nel quartiere di Nuova Florida. Le forze di polizia già allora avevano scoperto una RSA abusiva, con 15 anziani tenuti in poco spazio e in condizioni igieniche precarie. Due ordinanze del Sindaco avevano poi disposto chiusura e ricollocamento degli ospiti.

La storia era presto finita sulla stampa nazionale e persino in TV, nei TG e in un servizio della trasmissione Mediaset Le Iene.

È così che la vicenda è finita sotto la lente degli inquirenti. L’ipotesi dei magistrati che oggi hanno disposto gli arresti è che i cinque avrebbero collaborato ad un vero e proprio sistema, finalizzato ad appropriarsi dei risparmi e dei beni degli anziani.

Al vertice dell’organizzazione vi sarebbe M.T. una donna molto conosciuta nella zona, finita anche alla ribalta delle cronache nazionali per il suo impegno in politica e su tematiche legate alla promozione della legalità. Proprio i provvedimenti di questa mattina avrebbero comportato anche il sequestro di 385mila euro, nelle disponibilità della donna.